ASSOCIAZIONE NAZIONALE

  PARACADUTISTI D'ITALIA

SENTENZA TAR ROMA

Con la sentenza emessa dal Tar di Roma pubblicata pochi istanti fa, e qui allegata, in merito ai ricorsi dell’ANPDI, l’Associazione vede negato il suo buon diritto a continuare l’attività di paracadutismo alla quale ha dato l’avvio nell’immediato dopoguerra. 

Si tratta indubbiamente di una sconfitta, anche se resa meno dolorosa dalla chiara presa di posizione dell’Esercito a nostro favore con la sua relazione al Tar. Anche le FA, infatti, pagano un pegno a questa situazione dovendo rinunciare a quel continuo flusso di paracadutisti ANPDI che nel passato ne hanno rinfoltito i ranghi con giovani preparati e motivati. Ma anche la sconfitta, per chi combatte per cause che si ritengono degne, ha una nobiltà che consola. Non sono le sconfitte dei nostri progenitori, infatti, a toglierci un’oncia dell’orgoglio che proviamo nel considerarci loro figli.

Valuteremo ora più approfonditamente con i legali le possibilità che si prospettano.

Il Presidente Nazionale
Gen. C.A. (ris) Marco Bertolini

Sentenza-Presidenza.pdf (255 download)

CELEBRAZIONI BATTAGLIA DI FILOTTRANO 3-9 LUGLIO 2022

Egregi Presidenti,

Il prossimo 9 Luglio celebreremo a Filottrano, con il 183° Reggimento paracadutisti NEMBO erede della omonima Divisione, gli eventi di guerra accaduti nelle Marche 78 anni fa.


Ogni anno che trascorre segna in maniera inesorabile il passare del tempo e rischia di affievolire il ricordo di quei fatti. La maggior parte di noi appartiene alle generazioni del dopoguerra e soltanto lo studio dei libri di storia o uno sforzo di immaginazione possono consentire di evocare le immagini di quella lotta feroce e senza quartiere, di evocare la storia di quegli uomini che sacrificarono il bene della vita in un consapevole slancio di generosità e di amore per la Patria.

Chi infatti, su ogni fronte, decise di continuare a combattere nel generale sbandamento che seguì l’8 settembre 1943, lo fece in forte contrapposizione a quanti, in una Italia demoralizzata e priva di guida, gettarono nella polvere le proprie uniformi e fecero ritorno a casa, ignorando il giuramento prestato e anteponendo i propri interessi a quelli della Nazione.

Furono quegli uomini, orgogliosamente in divisa, a ridare dignità e slancio alla Patria avvilita. Furono quegli uomini che si imposero al rispetto di un “alleato” diffidente e maldisposto. E furono quegli uomini a impedire che la nostra gente, incolpevole e disorientata, pagasse un prezzo troppo alto per degli ideali inseguiti sull’onda di genuini entusiasmi presto raffreddati da un negativo concatenarsi degli eventi.

Nella battaglia, in 135 pagarono con la vita la propria generosità e altri 250 portarono, per sempre, i segni della sanguinosa lotta nelle proprie carni.

Il prossimo 9 Luglio saremo quindi a Filottrano per assicurarci che quegli avvenimenti di morte e di dolore, ma anche di ritrovato onore, restino ben incisi nella memoria di chi ha beneficiato di quel sacrificio. È questo un appuntamento al quale, chi ne ha la possibilità, non dovrebbe mancare.

Lo dobbiamo ai Caduti, lo dobbiamo alle loro famiglie che restando hanno portato il peso della scomparsa dei propri cari e lo dobbiamo a noi stessi, Paracadutisti d’Italia, che attraverso queste celebrazioni confermiamo il forte sentimento di identità e di appartenenza che ci lega alla più bella Brigata del nostro Esercito.

A premessa della citata celebrazione in Filottrano, nei giorni dal 3 al 9 luglio avrà anche luogo una staffetta di marcia – composta da tre squadre di sei paracadutisti del NEMBO ciascuna – rievocativa della vittoriosa avanzata della Divisione per 270 Km attraverso gli abitati di Lanciano – Chieti – Penne -Teramo – Ascoli P. – Monsampietro M. – Macerata e Filottrano.

Al riguardo, il Comandante della Brigata FOLGORE ha fatto pervenire al Presidente Nazionale una lettera nella quale, facendosi premura di segnalare tutte le manifestazioni, invita caldamente alla partecipazione di quanti più soci ANPd’I possibile, in piena sinergia con i nobili sentimenti di Servizio alla Patria che animano i Reparti in Armi.

Allego a questa mia lettera le brochure e i fogli illustrativi delle manifestazioni, prodotti dal 183° Reggimento NEMBO.

Ora e sempre NEMBO/FOLGORE!

Il Vice Presidente Nazionale
Gen. B. par. (ris) Raffaele IUBINI

 

PER INFO ESEGUIRE IL DOWNLOAD
1_BROCHURE MARCIA DELLA NEMBO 3 – 9 LUGLIO 2022
2_OPUSCOLO INFORMATIVO MARCIA DELLA NEMBO CON RECAPITO TELFONICO DI RIFERIMENTO
BROCHURE-MARCIA-DELLA-NEMBO-3-9-LUGLIO-2022.pdf (13 download) OPUSCOLO-INFORMATIVO-MARCIA-DELLA-NEMBO.pdf (11 download)

BATTLEFIELD TOUR MARCHE 2022

BATTLEFIELD TOUR 2022
27-28-29 Maggio 2022

Marche 1944, sulle orme dei paracadutisti
e degli arditi del Corpo Italiano di Liberazione

 

 

 

Il Battlefield Tour ripercorrerà le vicende dei Paracadutisti e degli Arditi dell’Esercito Regolare Italiano che presero parte alla Campagna di Liberazione nelle Marche nel 1944.

Il Battlefield Tour è uno strumento didattico dove i partecipanti (tra i quali sono presenti le scolaresche del territorio) verranno accompagnati sui luoghi delle battaglie, da storici ed esperti, per ricevere informazioni relativamente a determinati episodi accaduti. Si tratta di uno strumento didattico che non è una semplice lezione frontale, ma un’esperienza viva in quanto il partecipante può, effettivamente, comprendere quanto avvenne nelle Marche durante il 1944.

Il programma prevede lo studio di 3 episodi principali:

1) Filottrano;
2) Macereto;
3) Rustico

Si tratta di tre episodi determinanti nella Campagna di Liberazione che videro protagonisti Paracadutisti ed Incursori dell’Esercito Regolare italiano contro i reparti tedeschi.

Il Battlefield Tour, inoltre, ha anche l’obiettivo indiretto di promuovere il territorio facendo conoscere le realtà eno-gastronomiche e ricettive locali e le potenzialità turistiche dei luoghi attraversati.

Il progetto ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Difesa, del Ministero del Turismo, di Regione Marche, Comune di Visso, Comune di Filottrano, Comune di Polverigi e Comune di Osimo.

Le Amministrazioni interessate saranno, inoltre, invitate a partecipare in forma ufficiale alla cerimonia di chiusura che si svolgerà a Filottrano il 29 maggio.

LA SCHEDA DI PRENOTAZIONE, oltre al pacchetto comprensivo di
HOTEL + TOUR, prevede anche pacchetti dei solo TOUR per le tre giornate, per due sole giornate o per una sola giornata
a costi molto vantaggiosi.

Vi invitiamo quindi ad iscrivervi per vivere questa interessante esperienza.

Per info dettagliate, eseguite il download della Locandina,
del programma dettagliato e della scheda di iscrizione:
BATTLEFIELDTOUR_2022_programma.pdf (32 download) SCHEDA-PRENOTAZIONE-BATTLEFIELD.pdf (38 download) LOCANDINA-BATTLEFIELD_FILOTTRANO_PATROCINI_Anpdi-LU.png (37 download)

LA SEZIONE ANPDI PISA IN LUTTO – È MORTO L’ISTRUTTORE VETERANO GIANFRANCO BERTOLINI

L’Istruttore veterano paracadutista Gianfranco Bertolini ha compiuto il suo ultimo lancio.

Così lo ricorda uno dei suoi tanti allievi:
“Quando giungono certe notizie, non vorremmo mai che fossero realtà.
Eppure, spinti dal cuore indomito, tipico del Paracadutista, occorre accettare che anche quello che non vorremmo mai sentire.
Ieri la storia del paracadutismo italiano, civile e militare, ha perso una delle sue colonne portanti più ferme e resistenti, Gianfranco Bertolini ci ha lasciati.
Più di 70 anni di vita dedicata al paracadutismo, non occorre aggiungere altro.
Mi piacerebbe rivivere il ricordo che ho di lui, quando da giovane poco più che ventenne mi avvicinai alla sezione Anpd’I di Pisa, città consacrata al paracadutismo.
Venni iniziato a questo meraviglioso mondo, a me sconosciuto ma che avevo vissuto tramite racconti di familiari, dalle parole di Gianfranco, che insieme agli altri Istruttori mi accolse presso la sede di Piazza San Martino, a Pisa.
Le parole che mi riservò furono dirette e giuste, senza troppi fronzoli, ricami o false illusioni: “il paracadutismo, se lo vuoi fare, è questo… gioie e dolori, siamo tutti volontari, nessuno ti obbliga”, e questo era Gianfranco, un uomo diretto, preciso, scrupoloso, a tratti severo ma sempre giusto, di una rettitudine morale ineccepibile.
E di una passione smisurata per il mondo del paracadutismo.
Gianfranco metteva sempre al primo posto la sicurezza dell’allievo, e con tanto impegno da parte nostra, ci accompagnò a conseguire l’ambito brevetto di abilitazione al lancio, seguendo le stesse procedure previste per il brevetto militare, instillando nelle nostre giovani menti i sani principi e i veri valori del Paracadutista. Nonostante fosse civile, infatti, Gianfranco anni addietro divenne Istruttore della Smipar, e migliaia e migliaia sono stati i giovani allievi paracadutisti militari e civili da lui forgiati, così come centinaia sono stati i collaudi di materiale che ha effettuato, mettendo sempre anima e corpo a disposizione del progresso aviolancistico.
Quando poi dopo poco mi arruolai, orgoglioso, tornai un giorno in Sezione e volli incontrare Gianfranco, che, quando mi vide in divisa, la toccò affascinato, e visibilmente commosso mi disse che avevo dato lustro all’Anpd’I di Pisa.
La vita militare, con le sue vicissitudini, mi portò poi a Brescia, ove mi volli ricondizionare al lancio, dopo anni di inattività. Alla sezione Anpd’I locale mi accolse un altro decano del paracadutismo: Tino Feola, un altro Angelo volato in cielo alcuni anni orsono, che si approcciò a me con lo stesso affetto che Gianfranco Bertolini mi aveva riservato a Pisa.
Quando mi parlava, quando ascoltava i miei dubbi, quando mi consigliava, sempre con grande garbo e con il rispetto che si riserva al Paracadutista già brevettato, rivedevo il “mio” Gianfranco.
Due Paracadutisti civili, Gianfranco Bertolini e Tino Feola, a cui i massimi vertici militari della Folgore hanno reso i più alti onori.
E che hanno segnato il mio cammino.
Appena la situazione lo consentirà, quando tornerò alla porta, quando il Cielo azzurro mi abbraccerà e la sicura vela del paracadute mi cullerà verso un sereno atterraggio, il mio pensiero andrà a Te, Gianfranco, che in quel momento mi sarai più vicino di quando sono con i piedi per terra…. ciao Gianfranco, e ciao anche a te Tino, non ne fanno più di Paracadutisti come Voi, bello pensare che adesso siete insieme, in quell’angolo di Cielo a tutti noi riservato, a organizzare la prossima giornata in zona lancio, a preparare i manifesti di carico e a vegliare sempre su di noi, Paracadutisti civili e militari.
Cieli Blu!

Un Tuo giovane allievo”


Le esequie del paracadutista Gianfranco Bertolini si sono svolte il 5 maggio scorso presso la chiesa della Sacra Famiglia in Cisanello. 

LA POLITICA NON ASCOLTA LE ASSOCIAZIONI D’ARMA. ISTITUITA LA GIORNATA DEL VALORE ALPINO. E IL 4 NOVEMBRE?

Il nostro parlamento, confermando la pochissima sensibilità che in tutti i partiti si coltiva nei confronti delle Forze Armate, ha decretato l’istituzione di una giornata al valore alpino, di fatto creando una cesura tra i soldati con la penna e il resto delle Forze Armate. Al riguardo, non ho altro da aggiungere rispetto a quanto a suo tempo scrissi, inutilmente, alla Presidente della Commissione Difesa con la lettera in allegato, se non per unire la delusione mia e dell’ANPDI a quella espressa da altre Associazioni d’Arma

Gen. Marco Bertolini

Scarica il pdf della lettera
comdif.pdf (104 download)



 

PUBBLICATO FOLGORE GENNAIO-FEBBRAIO 2022

All’interno di questo primo numero del 2022, gli eventi più rilevanti del 2021 e di Gennaio e Febbraio 2022, il Giro d’Orizzonte I TAMBURINI, il Reportage del Direttore GUERRA IN UCRAINA, gli articoli di attualità sugli eventi più rilevanti accaduti in questi due mesi e in quelli precedenti, il programma del BATTLEFIELD TOUR che avrà luogo nella Regione Marche il 27, 28 e 29 Maggio prossimo, le notizie dai REPARTI IN ARMI e quelle inviateci dalle SEZIONI ANPd’I con le attività svolte e quelle sugli eventi tristi per tutti quei soci che hanno effettuato il loro ultimo lancio… Buona lettura! Folgore!

Download eseguibile cliccando sul minimale di copertina nella colonna a fianco

IL COLONNELLO MARCELLO MORELLI È USCITO DAI NOSTRI RANGHI. PER SEMPRE.

È doloroso piangere la morte di un amico. Specialmente se è un vero Paracadutista ed è una di quelle persone che, pur non essendoti fisicamente vicino, fanno costantemente avvertire la loro presenza. Marcello era così. Paracadutista civile dal 1959, decide subito quale sarà la sua strada, rapito dal fascino della Specialità. Infatti nel 1961 entra alla Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Spoleto e, su sua richiesta, al termine dei corsi nel 1963 viene assegnato all’Unità che costituirà l’embrione della Brigata Paracadutisti che conosciamo: il Gruppo Tattico Paracadutisti a Livorno. Si distingue per la sua professionalità e per la sua attitudine militare tanto che, a seguito di concorso che supera brillantemente, nel 1971 il Sergente Maggiore Morelli viene promosso al grado di Sottotenente e trasferito alla Scuola Militare di Paracadutismo a Pisa. Presso l’Istituto di Formazione, presta servizio al Battaglione Addestramento Reclute Paracadutisti (BARP) e presso la Compagnia Manutenzione. Ufficiale subalterno equilibrato e maturo, costituisce un sicuro riferimento per i giovani Ufficiali che entrano nella Specialità. Dati i suoi brillanti precedenti e come perfetto conoscitore della lingue Inglese e Francese, nel grado di Capitano entra a far parte degli Osservatori delle Nazioni Unite in Libano e acquisisce profonda conoscenza del Paese. Nel 1982, parte la prima missione all’estero dell’Esercito Italiano nel dopoguerra. Si va in Libano.

In primo piano il Gen. Angioni con il Cap. Morelli sullo sfondo

La comanda il Generale Angioni che, in virtù dei trascorsi di Morelli in Medio Oriente, subito lo annovera tra i suoi collaboratori più stretti. Saranno 18 mesi intensi, di convulsa e, a tratti, pericolosa attività operativa. Lo staff del Generale Angioni è composto da figure di elevata capacità professionale e, in quel contesto, Morelli si dimostra come uno degli elementi più affidabili e coscienziosi. Nel 1985 l’Ufficiale entra a far parte degli Organi Centrali di Sicurezza dove presta servizio fino al 2005.


Nonostante i vari incarichi espletati al di fuori delle Aviotruppe, Marcello Morelli si sentiva e si comportava come un Paracadutista, non essendosi mai tolto dal cuore il brevetto con le ali d’acciaio.
Marcello, quelle ali ti aiuteranno a spiccare l’ultimo volo.

Alla famiglia vada il più profondo cordoglio dell’Associazione.

L’ANPd’I, nei confronti della quale hai sempre dimostrato fraterno affetto, non ti dimenticherà.

Gen.B.par.(ris) Raffaele Iubini

PUBBLICATO FOLGORE NOVEMBRE-DICEMBRE 2021

Il sesto numero del 2021 è il CALENDARIO 2022 che quest’anno è dedicato interamente all’80° Anniversario della Battaglia di El Alamein.
Infatti per il 2022, l’ANPd’I propone un calendario incentrato sulle vicende storiche della 185^ Divisione Fanteria “Folgore” e la Battaglia di El Alamein.
Proprio in questo anno, infatti, ricorre l’ottantesimo anniversario di questa Battaglia, in cui i Paracadutisti italiani dimostrarono tutto il loro valore e tenacia, “macchiando” con il loro sangue il deserto egiziano. Il settore della “Folgore”, situato all’estremità sud dello schieramento Italo-tedesco, non venne sfondato dall’8^ Armata britannica ed i Paracadutisti rimasero invitti.
Con questo calendario vogliamo ripercorrere quelle tragiche e gloriose vicende, aiutati da foto storiche e dalle preziose illustrazioni di Paolo Caccia Dominioni.

Sul formato cartaceo, che presto arriverà nelle vostre case, eseguendo la scansione del QR-CODE presente nell’ultima pagina, è possibile vedere il film “DIVISIONE FOLGORE”.

BUONA LETTURA E BUONE FESTE A TUTTI I LETTORI DI “FOLGORE”

GARA INTERNATIONALER MÖNCHEGLADBACHER MILITÄRWETTKAMPF

Lo scorso mese di ottobre si è tenuta a Mönchegladbacher una importante gara di pattuglia militare, con squadre provenienti da tutta Europa.

Una squadra della sezione di Trieste ha partecipato alla competizione, molto pesante soprattutto sul piano fisico, classificandosi a metà graduatoria (tenendo anche conto che su 40 squadre ben 35 erano in servizio attivo).

Un colonnello di paracadutisti tedeschi, H. Michelis, ha molto apprezzato il comportamento anche formale, della squadra ANPDI, ed ha pubblicato un articolo su di loro sulla rivista dei paracadutisti tedeschi “Fallshirmjäger”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi