ASSOCIAZIONE NAZIONALE

  PARACADUTISTI D'ITALIA

CONTRIBUTO RICEVUTO DAL MINISTERO DELLA DIFESA PER L’ESERCIZIO FISCALE 2022

In applicazione degli adempimenti di informazione contenuti nella normativa di cui alla legge 04.08.2017, n. 124 (legge annuale per il mercato e la concorrenza) ANPd’I ha acquisito, per l’anno 2022 i seguenti contributi e sovvenzioni:

a. CODICE FISCALE: 80143950584
b. Amministrazione erogante: Ministero della Difesa
c. Somma incassata: 41.566,00 ovvero 41.564,00 (al netto delle spese bancarie) di cui 29.566,00, per la realizzazione dei progetti  approvati dal Ministero della Difesa
d. Data incasso: 25 OTTOBRE 2022
e. Causale erogazione: contributo dello Stato a favore di Enti vigilati dal  Ministero della Difesa

GLI AUGURI DELLA M.O.V.M. PAOLA DEL DIN, PRESIDENTE NAZIONALE ONORARIA DELL’A.N.P.d’I.

La M.O.V.M. Paola Del Din risponde agli auguri del Gen. Marco Bertolini con un toccante messaggio.

22 dicembre 2022

“Caro Generale,
apprezzo profondamente le sue parole perché rappresentano lo spirito corretto e sensato col quale affrontare questi tempi difficili per la nostra Patria. E’ importante che dimostriamo per fedeltà verso la nostra Patria, tuttora in pericolo, di essere fedeli ai valori etici nei quali abbiamo creduto durante l’attività militare. Non perdiamoci di coraggio, ma rimaniamo fedeli a noi stessi anche nella vita quotidiana. Viva l’Italia!
Con molti auguri a tutti voi anche per un sereno 2023.
Paola Del Din”

 

Nel link qui sotto è riportato il messaggio del Gen. Bertolini da cui trae origine lo scambio di auguri con la Prof.ssa Paola Del Din

https://assopar.it/2022/12/23/il-saluto-del-gen-bertolini-alla-prof-ssa-paola-del-din-m-o-v-m-presidente-nazionale-onoraria-a-n-p-di/

N.B. La foto in evidenza è stata tratta dal seguente link
https://www.movm.it/soci-effettivi-del-gruppo-movm/

IL SALUTO DEL GEN. BERTOLINI ALLA PROF.SSA PAOLA DEL DIN, M.O.V.M., PRESIDENTE NAZIONALE ONORARIA A.N.P.d’I.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARACADUTISTI
d’ITALIA
Il Presidente Nazionale

Santo Natale 2022, Capodanno 2023

anche questo difficile e a tratti doloroso 2022 sta arrivando alla sua giusta conclusione e ci prepariamo a inoltrarci, con qualche apprensione, nel 2023. Con qualche apprensione, dicevo, perchè sappiamo che durante lo stesso verranno poste al nostro Paese importanti sfide, sotto il profilo economico ma soprattutto nel campo della sua connotazione internazionale, dalle quali dipenderanno le sorti delle generazioni future.

Noi deIl’ANPDl siamo consapevoli dell’importanza di questo momento, e per questo ci stringiamo a quelli che rappresentano i nostri riferimenti più forti.
Tra questi, ovviamente, Lei.
Sappiamo infatti di doverci riferire costantemente al Suo e Vostro esempio di amor di Patria, per non dimenticare che è a questa Italia che dobbiamo le nostre azioni, i nostri sacrifici; ed è solo per essa, e non per un altrimenti autoreferenziale e sterile spirito di gruppo, che vale la pena affrontare difficoltà e amarezze che altrimenti non avrebbero senso. Voi ce lo avete insegnato e noi cercheremo, modestamente ma ostinatamente, di non dimenticarlo.

Detto questo, non mi resta che augurare a Lei e a tutti noi di affrontare il Santo Natale con serenità, nella certezza che non è venuta meno la presenza di Chi venne duemila anni or sono proprio per tracciare la via lungo la quale ci dobbiamo sforzare di persistere. E non posso non auspicare che il 2023 sia illuminato da questa consapevolezza, facendoci conseguentemente avanzare lungo la strada del nostro Dovere, nell’interesse dei nostri figli e alla Iuce dell’esempio dei nostri Padri.

Tuti gli associati delI’ANPDI si stringono a Lei con questi sentimenti, ai quali ho avuto l’onore di dare voce con questa breve lettera.

 


LINK AD ARTICOLI SULLA M.O.V.M. PAOLA DEL DIN

http://www.istitutodelnastroazzurro.org/2021/03/07/movm-eccellenti-paola-del-din/

https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/14550

https://www.movm.it/decorato/del-din-in-carnielli-paola/


LEGGI ANCHE:

GLI AUGURI DEL PRESIDENTE NAZIONALE
https://assopar.it/2022/12/19/gli-auguri-del-presidente-nazionale/

GLI AUGURI DEL COMANDATE DELLA BRIGATA FOLGORE
https://assopar.it/2022/12/14/gli-auguri-del-comandante-della-brigata-folgore/

ESERCITAZIONI  DELLA BRIGATA FOLGORE
https://assopar.it/2022/12/20/esercitazioni-della-brigata-folgore/

N.B.
L’immagine in evidenza è tratta dal sito http://www.movm.it.

GLI AUGURI DEL PRESIDENTE NAZIONALE


ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARACADUTISTI
d’ITALIA
Il Presidente Nazionale

 

Santo Natale 2022, Capodanno 2023

ci eravamo illusi che col 2021 fosse finito un lungo periodo di sofferenza che aveva intaccato il nostro “stile di vita”, rinchiudendoci in casa, impedendoci di frequentare amici e parenti, costringendo a chiudere molti esercizi commerciali e molte aziende che danno linfa vitale alle nostre città e alla nostra stessa Patria. Insomma, se dodici mesi fa non si poteva sperare in un 2022 di “rose e fiori” – visto che in ambito internazionale da tempo si andavano addensando nuvoloni che almeno i più accorti non mancavano di rilevare – si poteva comunque sperare in una parziale ripresa.

Questa, purtroppo, si è dimostrata un’illusione, resa tale dall’irrompere sulla scena europea ed italiana di una crisi nella crisi, con una guerra nella vicina Ucraina che proprio all’inizio del 2021 ha avuto una sua spaventosa recrudescenza, dopo otto anni di scontri e di lutti che però non avevano avuto la forza di attirare la nostra attenzione.

La saldatura di queste due crisi – la vecchia “sanitaria” e la nuova “bellica” – ha avuto ed ha, così, un impatto anche sulla vita delle nostre comunità e complica ulteriormente la situazione della nostra associazione, già impegnata a far fronte alla sospensione di quell’attività aviolancistica dalla quale ha da sempre tratto forza e della quale è stata promotrice e protagonista dall’immediato dopoguerra, dando vita al paracadutismo moderno in Italia. Ci siamo trovati, infatti, di fronte a situazioni impreviste, alle quali non eravamo preparati dopo decenni di sana condivisione degli obiettivi con l’Autorità Militare e di collaborazione alla luce del sole con il Ministero dei Trasporti.

Ma non è per tornare su quest’argomento già abbondantemente trattato anche nel corso dell’Assemblea Nazionale del 3 dicembre che Vi scrivo ancora. Lo faccio invece soltanto per introdurre con qualche riflessione sul presente e sul nostro passato più recente il mio augurio per un futuro prossimo di soddisfazione per tutti. Auguro, quindi, che con l’imminente Santo Natale tutti possano godere della serenità e della pace di cui la ricorrenza della nascita di Nostro Signore è portatrice da due millenni. Auguro che lo possiate trascorrere con i Vostri affetti e in salute, per ritemprare le energie con le quali affrontare l’ormai vicinissimo 2023, con le sfide che certamente imporrà alla nostra Italia, alle nostre famiglie e, anche se più modestamente, alla nostra associazione.

E auguro all’associazione stessa di sapersi ancora alimentare dei valori di coloro che tre quarti di secolo fa la crearono per tramandare e onorare il ricordo di quanti sacrificarono la loro vita per la Patria. Sarà più difficile che nel passato, a causa del progressivo venire meno dei protagonisti di quegli anni, soldati generosi che abbiamo sempre considerato il nostro riferimento assoluto; e proprio per questo dobbiamo fare ancora più leva sul nostro senso del dovere, sul nostro spirito di corpo, sulla nostra certezza di essere interpreti di una tradizione nobile che non abbiamo il diritto di far tramontare dietro il cumulo di difficoltà e, spesso, di piccinerie dei nostri giorni.

Infine, mancherei ad un dovere molto importante se non approfittassi di questa circostanza anche per ringraziare tutti Voi, per la determinazione che avete dimostrato nel mantenere accesa la fiammella delle nostre tradizioni nonostante le difficoltà nuove e vecchie che tutte le nostre sezioni devono affrontare. Non c’è infatti dubbio che le sfide che affrontiamo riguardano tutti noi, dalle Sezioni, alle Scuole, alla Presidenza Nazionale ed è solo chiudendoci “in quadrato fermissimo” come dice la nostra canzone che potremo averne ragione. E ne avremo ragione!

Buon Natale e felice 2023, paracadutisti!

CONCLUSO CON SUCCESSO IL CONVEGNO SU “LA FOLGORE NELLA BATTAGLIA DI EL ALAMEIN”



Si è svolto ieri, nella splendida cornice della Sala delle Conferenze dell’Archivio di Stato di Siena, il convegno promosso dal Centro Studi di Storia del Paracadutismo Militare Italiano dell’ANPd’I su “La Folgore nella Battaglia di El Alamein” che ha riscosso una notevole partecipazione di pubblico.

Nella gremita ed attenta Sala si sono alternati al tavolo dei relatori la Dottoressa Cinzia Cardinali, Direttrice dell’Archivio di Stato di Siena, che ha evidenziato come il “parlare di storia” trovi naturale collocazione nell’Archivio luogo eletto per la conservazione appunto della storia vissuta di ogni comunità.

Successivamente il Sindaco di Siena Avvocato Luigi De Mossi nel porgere il saluto della cittadinanza ha evidenziato alcuni aspetti salienti della battaglia innestandoli con i ricordi del padre combattente nella 2^ Guerra Mondiale.

Il Presidente Nazionale Gen. CA (ris) Marco Bertolini ha introdotto l’argomento collegando il valore della Folgore ad El Alamein a quello di tutti i soldati italiani che combatterono per la Patria nel secondo conflitto mondiale. Per il Gen. Bertolini, infatti, la Folgore non è stata l’eccezione che conferma la regola di una supposta e bugiarda incompatibilità italiana per le armi e la guerra ma, al contrario, il punto di condensazione di un valor militare diffuso tra tutte le componenti delle Forze Armate che si sacrificarono per la nostra Patria su tutti i fronti.



Il Prof. Federico Ciavattone, Direttore del Centro Studi di Storia del Paracadutismo Militare Italiano, ha compiutamente illustrato le fasi salienti della battaglia condotta dalla Folgore evidenziando che, dopo i tremendi combattimenti dal 23 al 26 ottobre che costrinsero i Britannici a spostare a nord la loro offensiva, la Folgore era ancora sulle sue posizioni che lasciò invitta solo all’ordine di ritirata dato dagli Alti Comandi.

Il Gen. B (ris) Enrico Pollini ha illustrato il tema “Eroi ed eroismi dei paracadutisti ad El Alamein” partendo dall’esame di tre diversi Decorati e delle loro motivazioni per la concessione della MOVM fino ad esaminare i fattori comuni di tutti i paracadutisti che portarono al complessivo eroico comportamento della Divisione andando così a determinare quella che è divenuta “l’epopea della Folgore ad El Alamein”.

Ha concluso il convegno il Comandante della Brigata Paracadutisti “Folgore” Gen. B. Roberto Vergori che ha mirabilmente effettuato il parallelismo con i paracadutisti soffermandosi sui valori dai quali, per essi, attingere ogni giorno linfa spirituale per adempiere ai propri doveri militari e la necessità di conoscere la propria storia, avvicinandola senza preconcetti di sorta, sia essa il punto di partenza per il presente ed il futuro.
Si ringrazia il Ministero della Difesa ed il Comune di Siena che hanno concesso il Patrocinio al convegno e l’Archivio di Stato di Siena per la splendida e fattiva ospitalità, il 186° Reggimento Paracadutisti Folgore che ha fornito un valido supporto tecnico per gli aspetti audio-visivi  tutte le Autorità presenti ed infine il folto pubblico giunto anche da luoghi lontani.          

PISA 21 OTTOBRE 2022 – 80° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI EL ALAMEIN E FESTA DELLA SPECIALITA’ PARACADUTISTI

Il giorno 21 ottobre si terrà presso il Centro Addestramento Paracadutismo, Caserma Gamerra via di Gello n. 138 in Pisa, la commemorazione dell’80° Anniversario della Battaglia di El Alamein e Festa della Specialità Paracadutisti secondo le seguenti modalità disposte dal Comando Brigata:

    • Ingresso consentito al pubblico dalle ore 09.00
    • Inizio cerimonia alle ore 10.30
    • Non vi è la possibilità di parcheggio interno

RADUNO NAZIONALE ANPd’I 2023 – Asti 23, 24, 25 Giugno 2023

COMUNICATO STAMPA

Dal 23 al 25 giugno 2023 Asti ospiterà il 29° Raduno Nazionale dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia.

Un evento, ispirato e voluto dal Consigliere Nazionale del Primo Gruppo ANPd’I Paracadutista Enzo Gulmini, a cui fanno capo le Sezioni delle Regioni Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria che richiamerà migliaia di baschi amaranto in servizio e in congedo.
A guidare il raduno nazionale sarà il Generale di Corpo d’Armata Marco Bertolini, Presidente Nazionale ANPd’I e già comandante della Brigata paracadutisti “Folgore”.
Siamo onorati di essere stati scelti dai vertici dell’Anpdi Nazionale per ospitare questa grande, straordinaria adunata – dice il Paracadutista Ivo Fornaca attualmente Probiviro Nazionale del Primo Gruppo – che arriva dopo una serie di grandi eventi organizzati nella nostra Città, ultimi dei quali il raduno interregionale ANPd’I e lo scoprimento di un monumento nel parco di Lungo Tanaro dedicato ai paracadutisti d’Italia voluto e realizzato dalla Sezione Provinciale di Asti“.
Sono centinaia gli astigiani che hanno prestato servizio nella Brigata Paracadutisti “Folgore”, che anche oggi tra le proprie fila conta numerosi astigiani.
In questi mesi che precedono l’Adunata Nazionale sono in programma diversi eventi collaterali per raccontare storia e protagonisti di questo straordinario Corpo Militare, che ogni anno celebra tra l’altro il sacrificio della allora “Divisione Folgore”, tra le sabbie del deserto nordafricano di El Alamein, il 23 ottobre 1942. In quella occasione i soldati inglesi resero l’onore delle armi ai paracadutisti italiani sopravvissuti all’epica battaglia.
Sarà ricordata anche la figura del Generale di Corpo d’Armata Franco Monticone, astigiano, recentemente scomparso, già Comandante della “Folgore” e, prima ancora, dell’allora Battaglione (oggi Reggimento) Incursori “Col Moschin” (meglio conosciuto come “Il Nono”) erede delle tradizioni degli Arditi della Grande Guerra.
È con grande onore e piacere – ha dichiarato il Sindaco di Asti Maurizio Rasero – che rivolgo il saluto dell’Amministrazione Comunale e mio personale all’ANPd’I in occasione del 29° Raduno Nazionale. Accogliere i tanti paracadutisti che prenderanno parte a questa Adunata, prestigioso evento che per tre giorni ravviverà le vie della nostra Città con numerosi appuntamenti, rappresenta un onore e un privilegio, di cui come Sindaco, sono riconoscente. Il mio ringraziamento – conclude il Primo Cittadino nel suo saluto – e quello di tutti gli astigiani va a tutti i Parà della Sezione di Asti, da sempre vicini alle esigenze del nostro territorio con il loro impegno e il loro lavoro”.
L’Adunata Nazionale dei Paracadutisti d’Italia – ha commentato Riccardo Origlia, Assessore al Turismo e Manifestazioni, Gemellaggi e Unesco, Promozione del Territorio, Agricoltura, Cibo e Vino – porterà numerosi paracadutisti da tutta la penisola che troveranno ad Asti quell’accoglienza e quel senso di fratellanza che contribuiranno a valorizzare e a far meglio comprendere il nostro patrimonio artistico ed enogastronomico. Un pensiero commosso va al Generale di Corpo d’Armata Franco Monticone, recentemente scomparso. Un figlio della nostra terra, un parà, un grande ufficiale”.
Di tutto questo si parlerà in una conferenza stampa di presentazione dell’evento in programma per il 14 Ottobre ore 10,00 presso la Sala Gianni Basso del Teatro Alfieri di Asti.
Seguiranno info dettagliate prossimamente.

COMUNICATO

Si informa che il procedimento penale pendente davanti al Tribunale di Salerno, nel quale dal 2015 l’Associazione era impegnata quale parte offesa, è stato archiviato con provvedimento del giorno 3 ottobre.

La questione più delicata riguardava il vaglio di liceità di rapporti negoziali relativi ad un velivolo di notevole valore.

La lunga fase delle indagini preliminari si era inizialmente chiusa con la richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura della Repubblica, la quale aveva ritenuto sussistere elementi per sostenere l’accusa in giudizio, qualificando i principali fatti all’esame in modo addirittura più grave di quanto ipotizzato dall’Associazione.

Nel successivo passaggio processuale (udienza preliminare), il Giudice per l’Udienza Preliminare, chiamato ad un ulteriore vaglio delle accuse formulate dalla Procura della Repubblica, le aveva ritenute suscettibili di essere oggetto di un processo dibattimentale, e quindi aveva accolto la richiesta del P.M. disponendo il rinvio a giudizio degli imputati.

La posizione dell’Associazione, fino a quel momento, era stata dunque ritenuta meritevole di tutela da parte dei magistrati che avevano trattato la questione.

Giunto alla soglia del dibattimento, tuttavia, il procedimento incontrava una battuta d’arresto, in quanto veniva accolta un’eccezione avversaria di nullità del capo di imputazione formulato dal P.M., circostanza che comportava la restituzione degli atti alla Procura della Repubblica per la miglior definizione delle incolpazioni.

A quel punto la Procura della Repubblica, che inizialmente aveva sostenuto l’accusa (aggravandola), anziché meglio definire le incolpazioni, riteneva di modificare il suo convincimento e di chiedere l’archiviazione.

L’archiviazione veniva quindi accolta dal Giudice per le Indagini Preliminari.

Il tempo trascorso per pervenire all’archiviazione (oltre sette anni e mezzo), e i provvedimenti processuali contrastanti, dimostrano la complessità di una situazione che non poteva essere trattata semplicemente a livello associativo.

Peraltro, proprio alla luce di tale complessità, in questi anni l’Associazione si è sempre astenuta dal dare clamore alla vicenda, anche nei momenti in cui i provvedimenti della magistratura sembravano deporre per un esito favorevole.

PELLEGRINAGGIO EL ALAMEIN DAL 25 AL 28 ottobre 2022 – PROGRAMMA DI VIAGGIO

Da tempo l’Associazione ha fatto richieste ad operatori turistici per lo svolgimento di un viaggio ad El Alamein da svolgersi nel periodo fine ottobre /inizio novembre ma i contatti sono stati, da parte degli operatori turistici, un susseguirsi di cambi di date e modalità di viaggio che hanno continuamente fatto slittare le proposte in un ininterrotto “tira e molla”.

Alla fine si sono concretizzate due proposte di cui una con tempi ancor più stretti, rispetto a quelli già stringenti della proposta allegata, in merito alla data entro cui fare le prenotazioni e per questo scartata.

Si invitano quindi i soci che intendono partecipare al pellegrinaggio di inviare i nominativi di coloro che intendono partecipare alla propria Sezione ANPd’I di appartenenza in modo che quest’ultima possa trasmetterla a chi gestisce il Pellegrinaggio.

LE ADESIONI ALLA PROPRIA SEZIONE DOVRANNO ESSERE INVIATE ENTRO E NON OLTRE il 26 SETTEMBRE p.v.

SI INFORMA ALTRESI’ CHE IL PELLEGRINAGGIO NON E’ GESTITO IN ALCUN MODO DALLA PRESIDENZA NAZIONALE BENSI’ DA UNA SEZIONE ANPDI CHE RICEVERA’ LE ADESIONI ESCLUSIVAMENTE DALLE SEZIONI DELL’ASSOCIAZIONE.

Ci scusiamo per la ristrettezza dei tempi dovuta esclusivamente alla particolarità del momento che vedono l’Egitto meta particolarmente richiesta.


CLICCA QUI PER SCARICARE IL PROGRAMMA DI VIAGGIO
PELLEGRINAGGIO-EL-ALAMEIN-DAL-25-AL-28-ottobre-2022.pdf (797 download )

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi