L’ANPDI PIANGE LA PERDITA DI UMBERTO SIMONINI

Dopo un lungo deperimento, nella prima mattinata del 23 dicembre si è spento a Reggio Emilia  a 92 anni di età Umberto Simonini, raggiungendo così l’adorata moglie Luciana dalla quale era stato strappato pochi anni fa dopo una lunga vita trascorsa assieme. Umberto ha rappresentato per decenni uno dei personaggi più noti del paracadutismo italiano del dopoguerra, quale animatore di una pratica che lentamente ma inesorabilmente diventava uno sport vero e proprio, seppur profondamente radicata nel contesto valoriale  tradizionale della Folgore. Intelligente ed energico organizzatore, ha spinto con la forza della sua passione, con la costanza della sua disponibilità, con la sicurezza della sua professionalità e con la piacevolezza della sua bonomia molti giovani e meno giovani a scoprire la bellezza dell’attività entusiasmante alla quale ha dedicato tutte le sue energie, confermandoli in una passione che spesso è diventata scelta di vita.

Il paracadutismo italiano deve molto a Umberto e moltissimo gli devono i tanti – come colui che scrive – che ebbero la fortuna di realizzare la bellezza del paracadutismo sotto la sua direzione attenta. L’ANPDI piange uno dei suoi dirigenti più illuminati.

Marco Bertolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.