79° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI EL ALAMEIN

79° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI EL ALAMEIN
SALUTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE

Anche quest’anno trascorriamo la ricorrenza della Battaglia di El Alamein e la conseguente festa della Specialità in tono dimesso. Abbiamo dovuto rinunciare anche in questo 2021, infatti, alle tradizionali “adunate” presso la nostra Brigata per commemorare assieme ai nostri commilitoni in armi il nostro orgoglio di paracadutisti e di Italiani. E’ una rinuncia pesante per una Associazione, come la nostra, fatta di piccoli numeri che trovano forza proprio nei momenti di incontro, quando possono abbeverarsi direttamente all’esempio dei nostri genitori. Ma questa è la realtà. Una realtà che non abbiamo scelto ma che ci è imposta da un’attualità spesso ostile e, in ogni caso, difficile. Ma non sono né l’ostilità né le difficoltà a spaventarci. Ci siamo abituati e siamo consapevoli che ancora continua a scorrere nelle nostre vene un po’ del sangue dei soldati, degli operai, dei pensatori e dei contadini che consentirono alla nostra Patria di superare prove ancor più difficili di quelle attuali. Per questo, su mandato del Consiglio Nazionale ho chiesto alla Signora Vanda Bertoni, ausiliaria del reggimento Folgore della RSI, e alla Signora Paola Del Din, MOVM della Guerra di Liberazione e protagonista di un lancio di guerra, di affiancarmi moralmente in qualità di Presidenti Onorarie dell’Associazione, invito che hanno accolto con entusiasmo. Possa il loro esempio essere uno sprone a fare fronte comune contro le avversità, come seppero fare i nostri genitori quando, dopo la guerra, si dovette procedere alla ricostruzione di un paese distrutto ed umiliato. I risultati di quella unità d’intenti meravigliarono il mondo, che li definì “miracolo Italiano”.
La Brigata paracadutisti, e con lei le altre Grandi Unità che dalla Folgore hanno tratto il carattere, le tradizioni e la nobiltà (penso al COFOSE e alla 2^ Brigata mobile dei Carabinieri che inquadra il “nostro” Tuscania) affrontano, dal canto loro, impegni operativi onerosi, spesso più difficili da affrontare rispetto a quelli del passato perché caratterizzati da una polverizzazione del personale e delle energie che rende difficile operare. Non per questo, omettono di ricordare in ogni circostanza da dove veniamo e a dimostrare la loro vicinanza ed il loro cameratismo anche nei nostri confronti.

In particolare, ieri 22 ottobre, il Gen.B. Roberto Vergori è subentrato al fratello Beniamino nel Comando della Folgore. Alla circostanza, riservata ad un ristretto gruppo di autorità a causa delle limitazioni imposte dalle disposizioni governative per la lotta al Covid, ha partecipato, con il sottoscritto, il nostro Medagliere, schierato a fianco del reparto in armi e della Bandiera del Capar. Con esso, eravate presenti tutti voi, in spirito, per augurare al nuovo “Aquila 1” ogni fortuna – nell’interesse della Brigata e dell’Italia – e per ringraziare il Comandante cedente per il supporto che ci ha fornito con passione durante il suo mandato. E’ stato un supporto continuo, soprattutto – ma non solo – in termini morali, che ci aiuta ad affrontare una fase storica difficile per la nostra associazione e quindi anche per la stessa Specialità, della quale siamo la proiezione nel mondo civile.
I rapporti continueranno col nuovo “Aquila 1”, reduce da un impegno ininterrotto di oltre un anno fuori area. Si tratta, come nel caso del fratello, di un soldato a tutto tondo che ho avuto modo di conoscere approfonditamente in servizio e del quale conosco personalmente caratteristiche professionali e spessore morale. A lui, e al Gen.Addis comandante del COFOSE e al Gen.Iasson della 2^ Brigata mobile, giungano per ora i nostri auguri di ogni fortuna, nel solco della tradizione di onore e di amor di Patria di cui i combattenti di El Alamein furono una rappresentazione emblematica ed unica.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.